RSM Poland
Languages

Languages

Outsourcing

Le imprese ben organizzate ed amministrate in maniera modernaconcentrano la loro attenzione esclusivamente sugli obiettivi di business, lasciando ad altri gli adempimenti amministrativi. Curando in primo luogo gli interessi dei titolari, clienti e dipendenti, le imprese rivolgono la loro attenzione verso il core business, dando in outsourcing le aree amministrative, che possono essere gestite in maniera più efficiente da esperti. RSM Poland offre ai propri Clienti la possibilità di dare in outsourcing le aree come contabilità, rendicontazione, tax compliance, gestione dei pagamenti amministrativi e del personale.

Obblighi di rendicontazione delle società con partecipazione di capitale straniero

10 dicembre 2018
Lidia PTASIŃSKA
La Polonia sta diventando un luogo sempre più interessante dove poter collocare gli investimenti e sempre con maggiore frequenza viene scelta dagli investitori stranieri come luogo di costituzione delle imprese. Un investitore che ha l’intenzione di fondare in Polonia una società con capitale straniero dovrebbe provvedere, in primo luogo, affinché tutti i documenti ufficiali redatti all’estero, i quali intenderà utilizzare sul territorio polacco, siano forniti di apostille, ossìa di clausole apportabili su documenti stranieri al fine di facilitarne l’utilizzo presso enti e uffici pubblici polacchi, senza dover ricorrere ad una legalizzazione supplementare. Bisogna tener a mente che un imprenditore avrà a che fare con degli uffici polacchi in numerose occasioni e ciò avverrà non solamente lungo il percorso stesso della costituzione e registrazione della società, ma anche in occasione dell’espletamento degli obblighi di rendicontazione. Oggi vorrei affrontare proprio la questione degli obblighi principali di rendicontazione gravanti su soggetti economici con partecipazione di capitale straniero.

Come uscire indenni da un iter di registrazione allorché una società intende avviare la propria attività in Polonia?

14 luglio 2017
Aleksandra KORZEŃ
Nel fornire servizi di contabilità e di tax compliance, sia per soggetti nazionali che internazionali, mi rendo conto di quanto sia difficile per un imprenditore, soprattutto straniero, comprendere appieno l'iter di registrazione di una società ed espletare tutte le formalità connesse.

Crediti nel bilancio

9 giugno 2017
Ewelina MĄDRAWSKA
Le attività intraprese dai soggetti economici che mirano a percepire un reddito comportano degli obblighi e dei crediti derivanti da contratti con contraenti o da diritti e obblighi imposti dall'ufficio delle entrate, dallo ZUS [Istituto di Previdenza Sociale] o da altre unità dell'amministrazione pubblica. Oggi vorrei focalizzarmi sulla specificità del credito e sulla presentazione nel bilancio sociale.

RSM al II Congresso Di Contabilita a Varsavia

7 giugno 2017
Dal 5 al 6 giugno 2017 presso il Teatr Polski di Varsavia si è svolto il II Congresso di contabilità  polacca intitolato “Contabilità: una visione per il futuro”.

RSM Poland partner principale del II Congresso della contabilità polacca

28 arile 2017
Il 5 e 6 giungo 2017 presso il Teatr Polski di Varsavia si è tenuto il II Congresso della contabilità polacca organizzato dall’Amministrazione centrale dell’associazione dei contabili in Polonia. RSM Poland sarà il partner principale dell’evento.

Operare sui sistemi contabili stranieri in Polonia

9 marzo 2017
Radosław OSMÓLSKI
Una delle conseguenze delle partecipazioni straniere nel capitale delle società e della loro naturale appartenenza a un gruppo di imprese di vari paesi è rappresentata dal sistema finanziario-contabile trapiantato dall’alto. Gli azionisti stranieri accolgono con favore l’informazione che la Legge polacca sulla contabilità prevede la possibilità di tenere i libri contabili all’estero. Dall’altro lato si dimenticano che sussistono altri requisiti derivanti dalla Legge sulla contabilità oppure dal diritto tributario, in base ai quali occorre garantire la conformità dell’esercizio contabile con le norme vigenti.

NetSuite in Polonia

26 gennaio 2017
Hubert SKRUKWA
Con l’inizio del 2017, RSM Poland è stata una delle prime aziende in Polonia a introdurre sul mercato il servizio IT, con un supporto globale per il sistema informatico NetSuite.

Bilancio sociale, di gruppo, fiscale – in altre parole i peggiori incubi dei commercialisti e come modificare lo stato delle cose

23 gennaio 2017
Piotr STASZKIEWICZ
La realtà economica non è così semplice come viene descritta a livello accademico; proprio per questo motivo la teoria è diversa dalla pratica. La cosa è particolarmente evidente nel nostro paese, dove i neo-laureati in economia hanno sovente un impatto traumatico con la realtà del mercato. La prima doccia fredda arriva proprio con le prime analisi contabili, il computo delle tasse, la redazione del rendiconto finanziario o la conduzione di un audit. Questa è la situazione attuale e sembra destinata a non cambiare, almeno fino a quando non verranno messi in piedi dei programmi di stage, di corsi di formazione basati su case study e le lezioni non verranno tenute da esperti del settore.

È giunta l’ora di fare l’inventario

20 gennaio 2017
Aneta STANIEWSKA
Si avvicina l’ora della chiusura dei libri contabili per l’esercizio 2016 e della redazione dei rendiconti finanziari per l’anno 2016. Al fine di poter presentare in maniera affidabile lo stato patrimoniale, occorre effettuare l’inventario rispettando le tempistiche e le modalità previste dall’art. 26 della Legge sulla contabilità.

Partita Iva comunitaria ovvero l’elenco riepilogativo delle operazioni intracomunitarie

21 marzo 2016
Dominika CHAMIER-CIEMIŃSKA
Effettuando operazioni commerciali con soggetti dell’Unione europea, soggetti polacchi sono tenuti ad adempiere gli obblighi aggiuntivi. Per esempio, prima di effettuare la prima operazione intracomunitaria, il contribuente è obbligato ad aprire la Partita iva comunitaria presentando in agenzia delle entrate il modulo VAT-R o solo la sua attuazione. Così ottiene il diritto ad utilizzare la Partita Iva comunitaria ovvero il sua numero della Partita iva anticipata dalle sigle PL. L’apertura della Partita iva non è sufficiente, vi sono ancora altre procedure da seguire. Gli organi fiscali hanno obbligato i soggetti effettuanti le operazioni intracomunitarie a presentare i registri periodici delle operazioni effettuate, le cosiddette dichiarazioni VAT-UE. Però sono veramente tutte le operazioni intracomunitarie a essere inserite nella dichiarazione? Non sempre è così…

Pages