RSM Poland
Languages

Languages

Società strategiche sotto protezione

L’1 ottobre entrerà in vigore la Legge del 24 luglio 2015 in materia di controllo di alcuni investimenti, il cui obiettivo è la tutela di società polacche strategiche da acquisizioni ostili, e al contempo la stessa legge vuole garantire sicurezza e ordine pubblico.

La nuova legge prevede il controllo di tali investimenti, che possono comportare il raggiungimento di una partecipazione significativa oppure di una situazione di dominio sulla società oggetto di tutela. Si troveranno sotto sorveglianza i soggetti che esercitano un’attività nei settori chiave dell’economia, con una quota rilevante di mercato, la cui acquisizione costituirà una seria minaccia per gli intessi fondamentali del paese e nei confronti dei quali non si potrà applicare uno altro strumento di tutela maggiormente restrittivo. L’elenco dei soggetti protetti viene definito dal Consiglio dei Ministri, tuttavia al suo interno compaiono anche imprese del settore energetico, chimico e degli armamenti.

La procedura di controllo prevista dalla nuova legge imporrà sull’investitore l’obbligo di comunicare al Ministro del Tesoro dello Stato l’acquisto previsto di quote in una delle società strategiche. Tale obbligo ricadrà sia sui soggetti a capitale polacco che estero. Il Ministro potrà opporsi alla realizzazione della transazione, qualora ritenga che essa rappresenti una seria minaccia per la sicurezza e l’ordine pubblico. Nella valutazione delle transazioni previste il ministro verrà supportato da un Comitato di Consulenza nominato ad hoc. L’investitore potrà impugnare giuridicamente la decisione del ministro.

La legge in materia di controllo di alcuni investimenti solleva numerosi timori tra gli imprenditori, i quali, al fine di superare l’obbligatoria procedura di controllo, individuano ingenti restrizioni e ostacoli per l’attività delle società. I sostenitori delle nuove norme affermano invece che l’attuale contesto economico richiede ulteriori misure di sicurezza, e regolamentazioni simili sono da anni applicate negli altri paesi dell’Unione Europea.

In cosa possiamo essere utili?

In caso di domande, informazioni o richieste, contattaci al numero di telefono +48 61 8515 766 oppure invia un messaggio.

Invia un messaggio