RSM Poland
Languages

Languages

Collaborazione dei consigli di amministrazione con gli auditor

Monika SKÓRKA
revisore contabile, Audit Partner presso RSM Poland

Su quali binari si sviluppa la collaborazione dei consigli di amministrazione con gli auditor? I CdA collaborano facilmente con gli auditor? Quali difficoltà devono affrontare gli auditor con le società revisionate?

 

Ancora alcuni anni fa, l’audit era considerato come un male inevitabile e un ulteriore obbligo a cui ottemperare. Attualmente i revisori esperti vengono considerati alla stregua di consulenti che, grazie alle loro conoscenze ed esperienza possono supportare l’attività aziendale. Ho constatato a più riprese che  la direzione dell’impresa rivelava le proprie difficoltà operative a un revisore esperto. Pertanto, soltanto le relazioni basate su un approccio aperto e sulla fiducia reciproca, oltre all’inserimento di un revisore esperto tra i propri partner, possono influenzare positivamente sia la collaborazione stessa che la condizione dell’azienda analizzata. Nascondere i problemi non porta alcun valore aggiunto alla società.

Le situazioni difficili che devono essere affrontate dai revisori esperti sono costituite - da un lato - dalla complessità dei problemi a cui devono far fronte e dall’altro, dal processo di selezione dell’azienda incaricata della revisione. L’audit non costituisce soltanto una verifica dello storico dei dati finanziari, bensì il controllo e la valutazione delle attività del consiglio di amministrazione oltre a garantire trasparenza e credibilità della rendicontazione finanziaria alla base delle decisioni aziendali. Purtroppo un fattore decisivo nelle relazioni delle società con gli auditor è che sovente il consiglio d’amministrazione esercita un ruolo cruciale nella scelta del soggetto incaricato ad analizzare il bilancio.