RSM Poland
Languages

Languages

Entries from marzo 2016

RSS

21 marzo 2016
Dominika CHAMIER-CIEMIŃSKA

Effettuando operazioni commerciali con soggetti dell’Unione europea, soggetti polacchi sono tenuti ad adempiere gli obblighi aggiuntivi. Per esempio, prima di effettuare la prima operazione intracomunitaria, il contribuente è obbligato ad aprire la Partita iva comunitaria presentando in agenzia delle entrate il modulo VAT-R o solo la sua attuazione. Così ottiene il diritto ad utilizzare la Partita Iva comunitaria ovvero il sua numero della Partita iva anticipata dalle sigle PL.

L’apertura della Partita iva non è sufficiente, vi sono ancora altre procedure da seguire. Gli organi fiscali hanno obbligato i soggetti effettuanti le operazioni intracomunitarie a presentare i registri periodici delle operazioni effettuate, le cosiddette dichiarazioni VAT-UE. Però sono veramente tutte le operazioni intracomunitarie a essere inserite nella dichiarazione? Non sempre è così…

4 marzo 2016
Bartosz MIŁASZEWSKI

In ogni impresa arriva un momento in cui i titolari pensano alla sua cessione. La tale decisione può essere dovuta alla situazione del mercato, sinergie derivanti della fusione stipulata con un altro soggetto, età dei titolari, cambiamento dei programmi per il futuro ed agli altri fattori numerosi. Invece non tutte le imprese possono essere acquistate, anche se magari sono le parole troppo brutali. Ovviamente ogni impresa è cedibile, però il suo valore non è sempre attraente per il cedente. Molto spesso succede che un’impresa viene ceduta a prezzo molto basso, e non è un’impresa sommersa dei debiti. Perché alcune aziende vengono cedute a buon prezzo e invece alle altre non è interessato nessuno.