RSM Poland
Languages

Languages

Entries from marzo 2015

RSS

30 marzo 2015
Dawid STOLAREK

È ovvio che nell’economia di mercato, soprattutto nelle categorie professionali il cui esercizio non è limitato, come  l’ampiamente intesa consulenza, è il cliente che parte da una posizione di forza. È lui, essendo un acquirente di beni e servizi, decide quando l’attività professionale condotta da noi, consulenti, riscuote successo o fallisce.

27 marzo 2015
Mateusz CHŁOSTA

L’uso esclusivo dell’autovettura per fini dell’attività d’impresa del contribuente, è l’unico caso per cui è previsto il rimborso del 100% dell’Iva accreditata sull’acquisto e sull’uso dell’autovettura. Per giustificarlo, il contribuente è obbligato a tenere un registro del chilometraggio effettuato. E qui gatta ci cova. Il decreto Iva indica come tenere il chilometraggio correttamente e quali elementi dovrebbe contenere. Il problema è che i contribuenti interessati interpretano queste indicazioni diversamente da quanto lo fanno i funzionari dell’Agenzia delle entrate.

23 marzo 2015
Przemysław POWIERZA

Capita tante volte che prima dell’inizio di un’ottimizzazione fiscale, dobbiamo affrontare i problemi legati alla mentalità: ecco dove si può trovare un grande valore aggiunto dell’appoggio da parte di German Desk.

2 marzo 2015

RSM Poland è lieto di informarVi che il nostro team ha creato RSM Poland BLOG! I primi sette post, li troverete sul sito: https://www.rsmpoland.pl/it/blog. Tutti accessibili in 5 lingue!

1 marzo 2015
Dawid STOLAREK

La maggior parte dei manager o titolari di aziende di grandi dimensioni, prima o poi dovrà affrontare la questione della valutazione d’azienda. È una verifica che viene svolta prima di acquisto o cessione dell’intera azienda o di un suo ramo. Può essere eseguita anche se prevista da specifiche disposizioni della disciplina civilistica. Sono ovviamente solo alcuni dei motivi che rendono necessaria la redazione di una stima del valore dell’azienda.

1 marzo 2015
Piotr NOWATKOWSKI

La scelta di una data forma giuridica è sempre una decisione fondamentale per ogni imprenditore. Prima di prendere tale decisione, vale la pena di conoscere le sue conseguenze. Per un imprenditore polacco, il problema, almeno in teoria, sembra semplice: Internet (un sacco di informazioni, ma a quali di queste dar credito?), amici e conoscenti con le proprie esperienze, e alla fine una telefonata agli uffici  per chiedere  informazioni pratiche su come avviare un’attività (quali moduli presentare, quali spese di imposta sostenere?)

1 marzo 2015
Mateusz CHŁOSTA

Ognuno di noi chi ha frequentato le lezioni d’informatica e che ha approfondito le informazioni sul linguaggio del software conosciuto anche come Turbo Pascal, ha subito riconosciuto il titolo del nostro primo post. “Hello World”: ecco le parole che di solito faceva apparire sullo schermo il primo “software” scritto da noi. Siccome a quel tempo, queste parole portavano con sé una nuova avventura con quello che fin d’allora era stato nuovo e sconosciuto, le abbiamo scelte come titolo di un’avventura ben diversa, però altrettanto straordinaria, l’avventura con i prezzi di trasferimento.

1 marzo 2015
Tomasz BEGER

È una domanda fondamentale per un amministratore, imprenditore o  dipendente straniero distaccato in Polonia. La risposta, come succede spesso nel campo delle imposte, non è univoca. Tutto dipende dalla propensione al rischio della persona e dal tempo libero a sua disposizione per risolvere le intricate questioni fiscali…

1 marzo 2015
Przemysław POWIERZA

I primi mesi di un’azienda in Polonia, come sempre in un posto nuovo, rappresentano una vera e propria sfida: un Paese straniero, la gente nuova e l’azienda la cui organizzazione all’estero non è ormai la stessa. In aggiunta, ci sono nuove sfide professionali da affrontare: compiti nuovi, pressione del tempo, e la casa madre a osservare con attenzione ogni mossa della filiale. Proprio in quel momento, il direttore finanziario distaccato in Polonia, riceve un plico di documenti dal dipartimento del personale: tanti fogli, uno sopra l’altro, tra cui la richiesta di ravvedimento operoso. Che cos’è?? Ecco il primo incontro con l’imposta sul reddito in Polonia e più specificamente, con quelli che ogni giorno hanno ,,il piacere’’ di affrontare il Fisco polacco.

1 marzo 2015
Bartosz MIŁASZEWSKI

Supponiamo che ho acquistato una società e….

anche se non mi hanno messo fuori strada, non tutto è andato come avevo aspettato. Questo succede spesso? Temo di sì. Ogni giorno, nel mio lavoro, incontro persone che decidono se ed a quale prezzo acquistare una società. Il prezzo dell’acquisizione viene molto spesso determinato, mediante trattative, come un multiplo dell’Ebit/Ebitda o dell’utile netto della società acquisenda. Personalmente, non sono un grande sostenitore di questo metodo, preferendoci quello della valutazione DCF in tre scenari: positivo, neutro e negativo. Ma chi oggi ha tempo per analizzare futuri flussi di denaro dell’attività che si va a rilevare? L’appeal del metodo del multiplo sta nella sua semplicità, che gli permette di guadagnare terreno rispetto ad altre metodologie.

Pages